Corallo e Sangue

pubblicato in: Mostre ed Eventi | 0

Corallo e sangue 

di Vincenzo D’Ambrosio

Poi c’è quella cosa 

che nella notte di spine e difetto, 

quasi non riesco a ricordare, 

confusa tra sonno e sogno 

tra ricordo e fantasia. 

Sarà la gioventù, forse l’amore. 

Mi volto indietro e li vedo, 

fermi da tempo in stazioni lontane, 

come viaggiatori stanchi, 

smarriti nel tempo. 

Fino a quando, ancora, 

mi sorprende l’alba; 

la vedo dove il mare si fa cielo 

che si sfrega gli occhi assonnata, 

sospirando speranze … 

La luce del cielo ora 

è ancora blu in alto, 

rosa al confine dell’infinito, 

corallo e sangue nel cuore dell’orizzonte … 

e V. anche oggi guarda il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *