Oggi ho incontrato un Re

postato in: Narrativa, Poesie | 0




Flavio Provini: 1° classificato per la poesia


Oggi ho incontrato un re (dedicata ai sovrani del marciapiede)

– endecasillabi e settenari –



di Flavio Provini

Oggi ho incontrato un re

regnava il ciglio dolente della via

su un soglio imbottito di solitudine,

era cereo, di incuria o malattia

al viso un velo opaco d’inquietudine.


Oggi ho incontrato un re

sostengono – e fondate son le prove –

che abdicherà alla lama dell’inverno,

il suo scettro si bagna appena piove

solo il ligio silenzio pare eterno.


Oggi ho incontrato un re

teneva per suddito un cane lupo

una corona in latta adusa a ciotola.

Non comandava: pregava il cielo cupo

di non sparire in una fonda botola.


Oggi ho incontrato un re

mostrava gonfaloni d’impotenza

rughe e calli per fregi nobiliari

nessuno lo chiamava Sua Eccellenza

vestiva mille occhi, di pietà avari.


Oggi ho incontrato un re

deducono – ma tutto senza prove –

che del potere non fu affatto degno

poco accorto: “Che se ne vada altrove

chi è minaccia al benessere del regno!”


Oggi ho incontrato un re

l’ho veduto accasciarsi a poco a poco

spodestato non dall’indigenza

dal gelo o dal fato, bensì dal gioco

sporco del pensiero di convenienza.


Non l’ho visto oggi, il re

il suo posto vuoto, neppure il cane

via ciotola, pastrano e piumone:

corvi imbeccano tozzi del suo pane

prima che l’asfalto cambi padrone.



© illustrazione coperta da copyright . Arte ViolaV

© racconto coperto da copyright ne è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *